Stemma

Comune di Azzanello

Provincia di Cremona


Sommario della pagina


Utilità di visualizzazione

a A T

Effettuare ricerche nel sito


Webmaster
EMME3

Sommario della pagina


Contenuto

Sei in Home > Territorio > Storia > Lo stemma comunale

Sommario della pagina


Lo stemma comunale

Lo stemmaIl Comune di Azzanello ha adottato un emblema comunale nel 1984.

Descrizione

Semitroncato partito: nel PRIMO, di rosso, all’aquila d’oro, rivoltata, poggiante le zampe sulla linea di partizione; nel SECONDO, d’oro, alle tre fasce di nero; nel TERZO, di argento, al biscione di azzurro, ondeggiante in palo di sei spire, ingollante il putto nudo, di carnagione, posto in fascia, con le braccia aperte. Ornamenti esteriori da Comune.

Un articolo d'epoca

Dal quotidiano La Provincia di mercoledì 18 luglio 1984

Articolo dal quotidiano La ProvinciaUN PAESE RICCO DI STORIA

Lo stemma di Azzanello

È stato adottato dal Consiglio comunale che ha deciso anche l'assunzione di un gonfalone

AZZANELLO — Anche Azzanello avrà presto i propri emblemi civici: lo ha deliberato il consiglio comunale nella seduta dello scorso martedì, definendoli sulla base dei dati conosciuti della, storia del paese e traendoli da tino scudo di foggia irregolare attualmente in possesso del Comune che riporta inquadrati smalti, metalli, figure.

Il paese di Azzanello affonda veramente le proprie radici nei secoli se nella «Storia di Cremona e sua provincia, di Francesco Robolotti si ricorda la località di Azzanello come nominala in documenti del secolo, IX insieme con il borgo Montorionc dotato di una selva di ulivi. La distrussero poi i milanesi nel 1217 o 1218 «per guerra che avevano con i Cremonesi, che in que' eccoli, funesti erano loro implacabili nemici» del sacerdote Angiolo Licardi edita nel 1836, oltre che dal Robolotti.

La cultura del borgo è stata ampiamente definita dalla presenza religiosa dei Domenicani che per opera di Filippo Tinti qui ebbero un proprio convento, Nel 1666 era feudatario di Azzanello il marchese Del Maino, si sa che successivamente è passato in proprietà ai marchesi Stanga, la famiglia che indubbiamente più ha influito sull'esistenza del Comune.

È tradizione popolare che la presenza viscontea in queste zone nel periodo rinascimentale abbia notevolmente influito sui. lavori di risanamento, bonifica e irrigazione: la ricchezza di acqua e dei navigli Pallavicino, Cavallera, Orietta e del fiume Oglio vengono sottolineate in entrambe le storiografie sopraindicate.

Tali cenni storici trovano puntuale riscontro negli inquadramenti dello scudo comunale. II primo quarto, in allo alla destra (le rappresentazioni araldiche vanno viste in modo speculare) presenta infatti un campo con aquila, ripresa dallo stemma della famiglia Stanga; in alto a sinistra presenta una figura di predicatore con croce (in un primo momento si era pensato potesse trattarsi di uri cavaliere con spada), presumibilmente domenicano, su sfondo rigato (probabilmente i colori di Cremona che influenzarono religiosamente la zona in diocesi, e signoria di Cremona); in basso a sinistra il biscione con bambino visconteo; in basso a destra le strisce della Libertà di Cremona.

Per questi motivi lo Stemma comunale di Azzanello porterà il seguente emblema: scudo di foggia sannitica, inquartato: il primo quarto a sinistra riporta un campo a fasce alternate in smalto rosso e metallo argento sovrastato da una figura stilizzata di predicatore in tonaca bianca e scapolare pero con cappuccio e croce; il quarto a destra in alto riporta un campo azzurro con aquila, mentre il quarto in basso a sinistra riporta un campo -azzurro con biscione (e bimbo) visconteo; il quarto in basso a destra si compone di cinque fasce alternate di smalto rosso e metallo argento. Lo scudo e sormontato da corona regolamentare di Comune e circondato da due rami di quercia e di alloro legati da un nastrino rosso e azzurro.

Analogamente è stata decisa l'assunzione di un gonfalone comunale; si tratta di un drappo quadrangolare di misure regolamentari ( metro per 2 metri) del colore degli smalti dello stemma disposti secondo le partizioni araldiche: in alto alla sinistra un campo azzurro, alla destra cinque fasce alternate in smalto rosso e metallo argento; viceversa per i due quarti inferiori. Al centro lo stemma comunale, sormontato da corona e contornato da due rami di quercia e di alloro legati in decusse da un nastrino rosso e azzurro. In alto l'iscrizione centrata in argcnto «Comune di Azzanello» con ornamenti in argento

AIDA SALANTI

Pubblicato da Admin
Ultimo aggiornamento: 29/10/2014 13:11:44


Sommario della pagina