Stemma

Comune di Azzanello

Provincia di Cremona


Sommario della pagina


Utilità di visualizzazione

a A T

Effettuare ricerche nel sito


Webmaster
EMME3

Sommario della pagina


Contenuto

Sei in Home > Territorio > Geografia ed Ambiente > La riserva naturale Isola Uccellanda

Sommario della pagina


La riserva naturale Isola Uccellanda

Geologia e morfologia

Cartografia dell'area

Si tratta di un piccolo lotto boscato la cui superficie misura circa 60 ettari, posto sulla sinistra idrografica del fiume Oglio, raggiungibile esclusivamente dalla sponda bresciana, ma ricadente in parte anche nel territorio comunale di Azzanello. In effetti, basta osservare una carta IGM degli inizi del XX secolo per comprendere che il confine comunale segue un antico percorso del fiume Oglio poi modificatosi durante una o più alluvioni.

Assi dei tracciati storici dell'Oglio nel corso del XX secoloLa morfologia superficiale è pianeggiante e non si discosta dalla conformazione dei territori limitrofi. Il suolo ghiaioso-sabbioso presenta uno strato umifero di circa 10 cm. Il bordo sud-occidentale dell’area prospetta sul fiume, dal quale è separato da una carrareccia e dalla recente difesa spondale in blocchi di dolomia. Una piccola lanca in via di interrimento fiancheggia un tratto del margine nord-ovest.

Torna in alto

Aspetti vegetazionali e floristici

L’area è occupata da un bosco misto, parte ad alto fusto e parte ceduo.

Le essenze arboree dominanti sono la farnia e il pioppo nero cui si accompagnano in subordine vario l’olmo, la robinia, l’infestante ailanto, il pioppo bianco, il platano.

Nei contorni della piccola raccolta d’acqua stagnante si inseriscono salici bianchi e gli ontani neri insieme a vari salici cespuglianti. Il ricoprimento generale è mediamente denso, con qualche discontinuità. Alcune ampie radure sono state piantate a pioppo ibrido. Le classi diametriche dei tronchi sono normalmente molto basse (20-25 cm). Nello strato arbustivo sono diffusi il biancospino e il prugnolo selvatico. Al margine dei sentieri e delle zone più aperte abbondano il ligustro comune e la lantana.

Sparsamente presenti sono la sanguinella, l'acero campestre, la berretta del prete (nota anche come fusaggine o evonimo), lo spino cervino, la rosa canina, la clematide eretta, l'amorfa fruticosa, insieme ai rinnovi di olmo campestre e delle altre essenze arboree.

Torna in alto

Bibliografia

  • AA.VV, VAS - Valutazione Ambientale Strategica del Piano di Governo del Territorio di Azzanello - Rapporto ambientale integrato
  • Parco Oglio Nord (a cura di), Alla scoperta del fiume Oglio, itinerario 8, Puntostampa Riccardi, senza data.

Pubblicato da Admin
Ultimo aggiornamento: 05/06/2012 10:18:44


Sommario della pagina