Stemma

Comune di Azzanello

Provincia di Cremona


Sommario della pagina


Contenuto

Sei in Home > Organi di governo > Consiglio Comunale

Sommario della pagina


Consiglio Comunale

Questa è la composizione del Consiglio comunale dopo la consultazione elettorale del 5 giugno 2016, così come convalidata dalla delibera di Consiglio comunale n. 14 del 21 giugno 2016.

Consiglieri di Maggioranza

Lista Civica "Azzanello"
  • Arsenio Molaschi - Sindaco eletto
  • Mauro Corbani
  • Olivano Donini
  • Elena Donini
  • Chiara Fusari
  • David Maestrelli
  • Gabriele Maggi
  • Ernesto Raimondi
  • Rosanna Rizzi
  • Aldo Vezzini
  • Ida Zucchelli

Torna in alto

Funzioni e competenze

Il Consiglio comunale è uno degli organi di governo del Comune. È l'organo d'indirizzo e di controllo politico-amministrativo.

La durata in carica del Sindaco e del Consiglio comunale, il numero dei Consiglieri assegnati al Comune, le modalità della elezione, nonché la loro posizione giuridica sono regolati dalla legge.

Il Consiglio comunale è dotato di autonomia organizzativa e funzionale, rappresenta la collettività
comunale e determina, sulla base della proposta del Sindaco, gli indirizzi generali di governo del Comune e ne controlla l'attuazione. Adempie alle funzioni specificatamente demandategli dalle leggi statali e regionali e dal presente Statuto e dai Regolamenti. L'esercizio delle potestà e delle funzioni consiliari non può essere delegato.

Le sedute del Consiglio Comunale sono pubbliche, le date e gli oggetti delle convocazioni sono comunicate sulle bacheche informative sul sito Internet istituzionale.

Competenze del Consiglio comunale:

Il Consiglio ha competenza limitatamente ai seguenti atti fondamentali, nonché a quelli espressamente attribuitigli da leggi statali e regionali:

  1.   Organizzazione istituzionale dell'Ente:
    1. Statuto.
    2. Istituzione degli organismi di partecipazione, loro compiti e norme di funzionamento.
    3. Convalida dei Consiglieri eletti.
    4. Costituzione delle Commissioni di indagine sulla attività dell'Amministrazione.
    5. Costituzione delle Commissioni consiliari
  2. Esplicazione dell'autonomia giuridica:
    1. Regolamenti comunali, con esclusione di quelli la cui adozione la legge riserva ad altro organo.
    2. Disciplina generale delle tariffe per la fruizione dei beni e dei servizi.
    3. Istituzione e ordinamento dei tributi, con esclusione della determinazione delle relative aliquote.
  3. Indirizzo dell' attività:
    1. Indirizzi generali di governo.
    2. Relazioni previsionali e programmatiche.
    3. Programmi triennali ed elenco annuale dei lavori pubblici.
    4. Bilanci annuali e pluriennali e relative variazioni.
    5. Piani territoriali ed urbanistici, i piani particolareggiati e piani di recupero, programmi annuali e pluriennali per l' attuazione dei predetti piani urbanistici e deroghe ai piani ed ai programmi.
    6. Pareri sulle dette materie.
    7. Gli indirizzi da osservare dalle Aziende pubbliche e dagli Enti dipendenti,
      sovvenzionati o sottoposti a vigilanza.
  4. Organizzazione interna dell'Ente:
    1. Criteri generali sull' ordinamento degli uffici e dei servizi.
    2. Assunzione diretta dei pubblici servizi.
    3. Concessione dei pubblici servizi.
    4. Costituzione di Istituzioni.
    5. Costituzione di Aziende speciali e loro statuti.
    6. Indirizzi operativi per le Aziende e Istituzioni.
    7. Costituzione di società per azioni o a responsabilità limitata.
    8. Regolamenti di organizzazione.
    9. Affidamento a terzi di attività o servizi mediante convenzione.
  5. Organizzazione esterna dell' Ente:
    1. Le convenzioni tra Comuni, con la Provincia ed altri Enti pubblici.
    2. Costituzione e modificazioni di consorzi ed altre forme associative e di cooperazione,
      Unioni di Comuni ed accordi di programma.
    3. Definizione degli indirizzi per le nomine e le designazioni dei rappresentanti del Comune presso Enti, Aziende ed Istituzioni, nonché la nomina dei rappresentanti del Consiglio presso Enti, Aziende ed Istituzioni ad esso espressamente riservata dalla legge.
  6. Gestione ordinaria e straordinaria:
    1. Gli acquisti e le alienazioni immobiliari, le relative permute, gli appalti e le concessioni non previste espressamente in atti fondamentali del Consiglio o che
      non ne costituiscano mera esecuzione e che comunque non rientrino nell'ordinaria amministrazione di funzioni e servizi di competenza della Giunta, del Segretario o di altri funzionari.
    2. La partecipazione a società di capitali
    3. La contrazione di mutui non previsti in atti fondamentali del Consiglio.
    4. L'emissione dei prestiti obbligazionari.
    5. Le spese che impegnino i bilanci per gli esercizi successivi, escluse quelle relative alle locazioni di immobili ed alla somministrazione e fornitura di beni e servizi a carattere continuativo.
  7. Controllo dei risultati di gestione:
    1. Nei termini e con le modalità previste dal Regolamento di contabilità partecipa alla definizione, all’adeguamento ed esercita il controllo periodico dello stato di attuazione dei programmi, della capacità di spesa, dei rendiconti di gestione e dei conti consuntivi riguardanti i programmi stessi.
    2. elezione del Revisore del Conto.
        

Torna in alto

Riferimenti normativi

Pubblicato da Admin
Ultimo aggiornamento: 08/08/2016 08:04:58


Sommario della pagina